Siete amici da una vita. Ti ho conosciuto conoscendo lui.

Anni di cene dove le tue mani erano sempre troppo vicine, le ginocchia alla ricerca di un contatto, gli occhi dentro la pelle…

In tutti questi anni non ho mai affrontato la cosa, ho sempre fatto finta di non capire e di non sentire e di non vedere.

“Ti voglio presentare una persona, vieni da me in ufficio domani se puoi.”

Facciamo il nostro incontro, pranziamo insieme, restiamo soli da te.

Mi alzo per andare, mi prendi per il polso. E hai in fuoco negli occhi che non avevo mai visto prima.

“Ora ti togli le mutandine per me, alzando bene la gonna.”

“Non ci penso neanche” ma stringi ancora più forte il mio polso. Sarebbe semplice divincolarsi, ma questo impeto mi diverte. Tu non sai niente, miente di me. “Ti voglio da sempre, e oggi e’ arrivato il momento”. Non capisco perché ora, perché oggi..

Ma se la metti giù così… Effettivamente hai davvero voglia di me. Salta la scrivania, si sposta il divano, quasi si rompe la sedia.. Avevi tanta voglia.. E l’hai consumata tutta. 

E anche con te non mi ero sbagliata in questi anni in cui ho sempre pensato che mi avresti scopato alla prima occasione..

Annunci