Occhi negli occhi. A 30 metri. Un ora in solitudine, caverne, qualche rischio di troppo per darmi sicurezza. Occhi negli occhi.

Fuori dall’acqua “le tue labbra sono bianche per il freddo, hanno bisogno di baci”.

La prevedibilità assoluta dei prossimi passi… Lascia stare. Mi sdraio al sole, musica alta. Quando apro gli occhi sei il mio specchio. Dall’altra parte di me. Sdraiato al sole, musica alta: però i tuoi occhi dentro. Come riconosco quegli occhi. ..

Basterebbe un gesto, impercettibile, verso la cabina e verso il sesso pieno di sale.

E infatti, dato che ti e’ mancato il gesto: “Prendi l’ultima barca con me. Dormi con me. Puoi passare la notte fuori o ti raggiungo. Posso scriverti. Ho cercato di essere con la tua barca da quando sei qui… “

Occhi verdi. Così mi chiami. 

Il regalo per me, per rendere la giornata indimenticabile, un bacio. Casto. Ma non quanto la tua voglia che già schiacci sulla mia coscia.

Tutto era già nei tuoi occhi: ma non credo tu abbia osservato bene i miei. Perché se lo facessi, scapperesti, dentro e’ l’inferno.

E l’inferno non fa bene. 

In particolare ad un ragazzino, figo, che pensa di portarsi una turista qualsiasi a letto. 

Ragazzino

Letto

Qualsiasi

Non fanno parte di questo inferno, ma di certo del tuo paradiso. 

I miei occhi nello stesso momento erano fissi su tutte quello onde blu. 

“Quanto e’ profondo qui il mare? Con i miei 7 kg, quanto velocemente si annega?” Questo si, sarebbe stato indimenticabile. 

Il mio inferno e’ molto più profondo del tuo mare. E ti sei fatto ingannare da questi occhi verdi e dal viso dolce intorno. Dalle mie poche parole. Ma non sono timida, e’ che non me ne frega un cazzo di parlare con nessuno. 

Se avessi sguardo più esperto saresti già nel deserto ora e non sul tuo mare con me.

Come se avessi accettato l’invito. Ma grazie. Lusingata.

Ps: la prossima volta che ti appoggi in quel modo.. Devi averlo veramente notevole per attirare l’attenzione..

Annunci