E’ stata una notte complicata. Non mi ero mai spinta così oltre. 

Ho deciso di partecipate all’ultimo minuto, nella mente l’eccitazione di andare incontro a un’esperienza per cui non sono preparata. E nella mia smania di pianificazione e controllo lasciarsi andare nelle sue mani, totalmente nelle sue mani, mi agita l’anima.

Sono arrivata vestita di veli rossi e neri. Avvolta di eccitazione e paura. 

Molti veli per molti strati da scostare, per molti uomini. 

Una bambola velata, un nuovo gioco per tutti i presenti, che possono sfiorare, eliminare un velo, passare oltre. 

Io dovrei riuscire a stare ferma: la statua di carne sul piedistallo del piacere.

Sono molti.. E anche il mio viso e’ nascosto dai veli, quindi intravvedo persone, sento mani che si appoggiano, che sfiorano, che tirano per staccare l’ennesimo velo. 

Sono consumata da occhi e pensieri. Fantasie e brame. 

Resto nuda, in centro alla stanza.

Lui mi prende per mano, mi appoggia al piedistallo….

Raccoglie uno dei veli e mi attinge le mani dietro la schiena.

Mi devo fidare di Lui, ma non so’ mai fino a che punto. 

Non so’ cosa succederà ora. 

… Scopro di essere il “premio”. 

Ho Lui davanti, i suoi occhi dentro i miei. 

E l’altro dentro di me. 

Mi slega, mi bacia. 
Mi lascia andare .. Con i miei veli. 

Annunci