Questa è una cronaca in diretta.

Sono entrata nella loro camera e lui era bendato sdraiato nel letto.

Lei ha la pelle chiara e un mare di tatuaggi, lo massaggia con il corpo aiutata dall’olio.

Lo pende in bocca. Lo accarezza.

Sono entrata nella loro camera, ho aperto il mac.. e ho iniziato a scrivere.

Non credo che nessuno dei due si aspettasse che mi sedessi li’ per scrivere. Pensavano che mi eccitassi immediatamente e che vederli senza poter partecipare, forre furore per me.

Lei mi guardava, è abituata a tanto, ma quella in imbarazzo sembra lei. Io avevo il mac a scudo, per me era più facile.

Io scrivo, vestita, e non sono sicura le piaccia, forse non capisce cosa sto facendo.

Cosa faccio? L’unica cosa che so’ fare in questo momento.. scrivo per il piacere di farlo e scrivo di piacere.

Lo bacia, lo bacia sulla bocca, sul collo, sul petto. E’ dolce lei. E’ giovane.

E poi lo prende di nuovo in bocca. Mi fissa negli occhi, sorride. Io ricambio lo sguardo e per fortuna so scrivere senza guardare la tastiera.

Lei cambia posizione e si spoglia completamente. Si stende accanto a lui, sempre bendato, steso, che fa fare piacere.

E’ ora.

Lei inizia a masturbarsi con la punta di lui, se lo mette dentro, si sente il rumore di quanto è bagnata, si sente il rumore mentre entra. Non lo avevo mai sentito. E’ bello. E’ un bel rumore.

Si muove indubbiamente bene. Le mani di lui sui fianchi, per darle il giusto ritmo.

E lei sempre sopra a scoparselo ed è lei che sta per venire.

Non so, ma non riesco a non sorridere, ma lei inarca la schiena, nel punto esatto della vita e gode in silenzio.

Ma ha subito ripreso a muoversi su di lui: e si sentiva il bagnato, il piacere, lungo la spina dorsale bianca, morbida. Ha il seno piccolo. Che sta tutto in bocca.

E’ piacevole un corpo femminile da vedere mentre fa l’amore: sinuoso, candido, definito, sudato e aperto.

Io ho freddo.. fa un po’ freddo qui, mentre scrivo e loro continuano nei loro giochi.

Lo sto vivendo come se fossi su una torre altissima e stessi vedendo tutto la li’.

Mi sento “fuori” e lontana, tutto ciò non è particolarmente eccitante per me in questo momento, ma spero almeno lo sia per loro.

Non si aspettavano che mi mettessi a scrivere in diretta ogni movimento sospiro goccia di piacere mano bocca e lingua.

Inizio a godere dei dettagli: e’ bello vederla da dietro che lo prende tutto, vedere come è aperta e come il suo culo si strige intorno a lui, mentre si muove.

Ma non c’e’ nemmeno un bicchiere di vino e i pop corn.

Il movimento dei suoi fianchi è armonioso, bello da vedere. Come una danza si sfrega su di lui e riprende il suo massaggio.

L’indicazione era di non toccare: non sto toccando. Ma sono così presa nel vedere e in questo scrivere che non ho voglia di fermarmi.

Ha ripreso il massaggio prima forte, ma poi di nuovo pianissimo.

La sua mano che gioca solo con la punta, attorciglia, accarezza, lecca, succhia.

E’ una professionista del sesso tantrico, può “massaggiare per ore”.

Nel frattempo probabilmente fa la lista della spesa e studia il cinese.

Ed è qui che lei mi prende per mano, mi bacia.

Mi tolgo il vestito. E qui ora il racconto non è più in diretta. Perché mi sono sdraiata con loro, ho leccato il loro piacere, ho toccato il loro essere insieme. Cercando di regalare il più possibile di me. Un piacere che questa sera è stato lontano dal mio corpo. Fori di me, dentro di loro.

Forse troppo controllata, stando bene, benissimo, ma attraverso queste scritte addosso sto meglio.

Direi buona notte, dalla cronaca in diretta di questa serata.

Direi buona notte, dalla cronaca in diretta di questa serata.

Annunci