images

Seduto accanto a me in auto.

Erano tempi di lunghi sguardi, parole lanciate, brevi frasi, piccoli giochi.. e poi un lungo viaggio..seduti accanto sul sedile posteriore dell’auto. E molte, molte gallerie nel tragitto. Mai stati così vicini..e la tensione si sentiva chiara, io poi la vedo, quando mi porta verso una persona, quella tensione ha un colore acceso, forte, definisce benissimo l’erotismo che ci sarà.. vedo l’aura del sesso!!

Come ovvio le nostre mani, piano, hanno iniziato a toccarsi, a sfiorarsi, a stringersi. Per ore.. una specie di supplizio, per quanto ero eccitata. segna guardarsi per non attirare l’attenzione degli altri viaggiatori. Ore di preliminari mentali .. e io non sono molto paziente.. è noto.

La destinazione: un grande albergo, una location.

Parte il sopralluogo. Le camere: belle grazie. Il ristorante: bello grazie, più tardi proviamo il menù. Le aree comuni: si si va tutto bene. La piscina: perfetta, grazie. La sala conferenze: davvero ottimo. Possiamo fare un test? Ma certo.

E bravo lui.. ho sempre pensato che avesse una marcia in più. E ha fatto in modo che fossimo soli: “vieni”.. “la sala regia è per di qua”.. una porta chiusa dietro le mie spalle. Ed è stato impossibile liberarsi: la sua mano ha stretto il mio braccio per non farmi girare. Le sue spalle appoggiate alla mia schiena per spingermi al muro. La sua bocca a mordere il mio collo. L’altra mano ad alzarmi la gonna.

Come se fosse normale.. ma credo di aver provato più piacere in quegli attimi .. che in intere relazioni. Il puro piacere di essere presi, posseduti, desiderati.. usati..

Annunci